Venerdì,16 Aprile 2021 | Scritto da: didattica

DOCUMENTAZIONE DELL’INCONTRO CON IL PROF. BRUNO LOSITO

SLIDES INCONTRO

Venerdì,2 Aprile 2021 | Scritto da: didattica

DOCUMENTAZIONE DELL’INCONTRO CON IL DOTT. MICHELE GAGLIARDO, RESPONSABILE NAZIONALE LIBERA FORMAZIONE.

SLIDES DELL’INTERVENTO

Mercoledì,31 Marzo 2021 | Scritto da: didattica

LINK AL MODULO DI ISCRIZIONE

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è volantino29apr2021_sabbia_calosso_cico.jpg

Mercoledì,31 Marzo 2021 | Scritto da: didattica

LINK AL MODULO DI ISCRIZIONE

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è volantino22apr2021_anime_miroglio_cico.jpg

Mercoledì,31 Marzo 2021 | Scritto da: didattica

LINK AL MODULO DI ISCRIZIONE

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è volantino16apri2021_amore_platone_banaudi_cist.jpg

Mercoledì,31 Marzo 2021 | Scritto da: didattica


LINK ALLE PREMESSE
LINK AL VIDEO DEL GRUPPO ROCK ‘N ROLL

Dalla protesta contro le antenne alla convenzione di Faro: il caso di Cinaglio, Cisterna e Robella.


Cinaglio, Cisterna, Robella realtà unite dall’amore per il territorio e dalla protesta contro l’installazione di antenne di telefonia mobile accanto a edifici rilevanti a livello storico/artistico (Chiesa romanica di S. Felice a Cinaglio e Castello di Robella) o su terreni considerati di “notevole interesse pubblico” (Cisterna). Seguono raccolte firme, denunce ma anche la nascita del gruppo more…

Giovedì,25 Marzo 2021 | Scritto da: didattica

Percorso formativo ed educativo per promuovere saggezza digitale tra studenti, genitori e insegnanti - realizzato dall’IC di San Damiano -
Inserito nel “Progetto didattico Blu (Blende Learning Union)” relativo all’Emergenza Covid19 del quale l’ Istituto Monti di Asti è capofila.

INCONTRI A DISTANZA (VIA MEET), CONDOTTI DAI FORMATORI DEL “CENTRO STEADYCAM DI ALBA – COOPERATIVA RO&RO”
PER DISCUTERE DI VIDEOGIOCHI

Martedì,23 Febbraio 2021 | Scritto da: didattica



Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è volantinopala-1.gif

UNA COMUNITA’ CHE CURA: IL RESTAURO DELLA PALA DEL PRINCIPE DAL POZZO”

Domenica 28 marzo 2021, un giorno da ricordare per Cisterna che ha festeggiato un’importante progetto con l’incontro “Una comunità che cura: il restauro della pala del Principe Dal Pozzo” organizzato da Parrocchie di Cisterna e S. Matteo, Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’albese – I.C. di San Damiano, Museo Arti e Mestieri e Comune di Cisterna con Fra Production Spa e Aimc di Asti. In apertura, Tiziana Mo ha ricordato Teresa Bertello il cui lascito testamentario ha permesso il restauro della tela. Un ringraziamento è andato anche a Dario e Simone Carosso, Roberto Gallino, Alfonso di Nardo e Bruno Guido per il riposizionamento della pala e a Fabio Magni per supporto tecnico per la diretta. Il Vescovo, Marco Prastaro ha ricordato come il passato possa ancora insegnarci a costruire bellezza. Mario Sacco, presidente della Fondazione CrAsti ha sottolineato la vivacità culturale di Cisterna grazie alla peculiarità del Museo. Paolo Lanfranco, presidente della Provincia, ha ricordato l’importanza del valore comunitario del progetto di recupero. Il Sindaco Renzo Peletto ha portato i saluti da parte dell’ amministrazione. Il presidente dell’ Associazione Museo Arti e Mestieri, Lino Vaudano ha detto: ”Spesso si dice che la bellezza salverà il mondo ma prima occorre salvare la bellezza che non è solo arte ma tutto ciò che ci circonda e che ci viene da Dio”. Don Binello, ha presentato il progetto culturale dell’ Associazione S.S. Gervasio e Protasio che, in collaborazione con Museo e la popolazione, ha lo scopo di salvaguardare il patrimonio artistico e paesaggistico. “Non bisogna abituarsi alle brutture ma preservare la bellezza per mantenerla nel tempo” ha concluso. Baldassarre Molino, invece, more…

Martedì,23 Febbraio 2021 | Scritto da: didattica


Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è volantino20mar2021_amore_banaudi_cist.jpg

Nel primo giorno di primavera, una nuova videosofia del prof. Alberto Banaudi per parlare di amore. “La guerra dell’amore. La visione di Eros nei poeti e in Platone” il titolo dell’ incontro che si è tenuto sabato 20 marzo 2021 ed è stato organizzato da Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’albese – I.C. di San Damiano d’Asti, Museo Arti e Mestieri di un Tempo con Fra Production Spa, Libreria “Il Pellicano” e Aimc di Asti.

Ma cos’è l’ Eros? E’ da intendersi come la lotta tra le diverse interpretazioni dell’ amore. Eros è una delle potenze sconvolgenti che i Greci conoscevano bene e volevano comprendere. Però sarebbe assurdo poter sintetizzare una civiltà intera attraverso un’unica interpretazione. Una guerra d’amore si può vedere in tante occasioni anche in epoche successive. Nella Firenze di fine del 1200, si vide una contesa di questo tipo sulle diverse concezioni dell’amore. Guido Cavalcanti e Dante Alighieri, ad esempio, si sfidarono su questo. Per il primo, l’amore era plutonico cioè spingeva verso gli inferi. Per Dante, invece, l’amore era platonico, una forza originaria, un motore che portava dall’umano al divino. In questa visione , l’anima era unitaria e il cuore era unito all’intelletto. Per Dante, quindi, il cuore era collegato alla mente. Per Cavalcanti, invece, l’ anima era scissa in more…

Martedì,23 Febbraio 2021 | Scritto da: didattica

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è volantino13mar2021_altezza_molan_mo_cist.jpg

“ALTEZZA E’ MEZZA BELLEZZA?”

MAURIZIO MOLAN HA DISCUSSO DEL SUO ULTIMO LIBRO CON TIZIANA MO

Alti, bassi, troppo alti o troppo bassi… abbondano in tutte le culture i detti ed i modi di dire riferiti alla statura.“Altezza è mezza bellezza?” (Lindau) di Maurizio Molan, come ha detto Tiziana Mo nell’introdurre l’incontro, è un libro per persone curiose che vogliono approfondire questo argomento. L’iniziativa, che si è tenuta sabato 13 marzo 2021, è stata organizzata da Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’albese – I.C. di San Damiano d’ Asti, Museo Arti e Mestieri di un Tempo con Fra Production Spa, Libreria “Il Pellicano” e Aimc di Asti. “E’ un volume che mi ha appassionato – ha detto la Mo – perché l’autore analizza l’altezza da più punti di vista: storico, filosofico, scientifico, artistico… che colpiscono. Perché indagare l’altezza?”. Il punto di partenza per l’autore è stato un aforisma popolare perché, solitamente, i detti hanno un fondo di verità che deriva dagli antichi. “Per scrivere – ha detto Molan - mi sono messo nei panni del decatleta. Sono partito dalla mia infanzia. Un libro nasce dalle emozioni. Avrei potuto parlare di più degli aspetti medici anche se, quelli relativi alla statura, non more…