Articoli dalla sezione: » Museo Magliano «

Venerdì,30 Novembre 2012 | Scritto da: magliano

Dalla scuola dell’infanzia di Magliano…

Cliccando sul seguente link potrete vedere il primo lavoro di questo percorso linguistico-matematico:

http://icgovone.2gaia.com/MAGLMAT05-06/LE%20PAROLE%20DANNO%20I%20NUMERI/I%203%20PORCELLINI/i%203%20porcellini.htm

Se volete giocare con jclic al gioco dei 3 porcellini, cliccate qui:

http://icgovone.2gaia.com/MAGLMAT05-06/LE%20PAROLE%20DANNO%20I%20NUMERI/I%203%20PORCELLINI/I3PORC.htm

 

Lunedì,26 Novembre 2012 | Scritto da: magliano

DALLA SCUOLA DELL’INFANZIA DI MAGLIANO…

Dopo il successo ottenuto alla conferenza a C.S.P.T. (Castel S. Pietro Terme), abbiamo pensato di creare un “percorso” didattico legato alla ricerca del numero nelle fiabe con l’ausilio di jclic!…chi lo sa magari il prossimo anno avremo il piacere di poter nuovamente dire “IO C’ERO” al convegno nazionale sulla didattica della matematica!

Abbiamo già pubblicato un pezzettino del nostro lavoro sul sito della scuola. Noi vi terremo aggiornati costantemente… state in campana!!!

Collegatevi a www.icgovone.com cliccando poi su scuola infanzia Magliano

 …SCUSATE MA VADO DI FRETTA!!DEVO USARE JCLIC

Lunedì,26 Novembre 2012 | Scritto da: magliano

 

Giovedì,2 Agosto 2012 | Scritto da: magliano

Il 15 maggio 2012 gli alunni delle classi terza, quarta e quinta della Scuola Primaria di Magliano Alfieri si sono recati in gita presso la fattoria didattica “ArteMiele” di Costigliole d’Asti.

Dopo una calorosa accoglienza addolcita con ottime torte preparate dalla signora Odille, abbiamo visto da vicino numerosi piccoli animali da cortile, molte piante, tra cui un bellissimo ginko biloba, diverse erbe aromatiche e splendide rose in piena fioritura..

La giornata si è poi animata ulteriormente con la rappresentazione del ciclo vitale del baco da seta. Ci siamo trasformati via via in uova, larve, crisalidi, bachi, farfalle, gelsi, contadini, sarte e principesse… e abbiamo studiato da vicino, anzi possiamo dire “da dentro”, il mondo affascinante della seta!

Poco dopo ci siamo trasformati in bachicoltori e siamo andati a raccogliere le foglie di gelso che abbiamo poi portato agli affamati “vermicelli”. Ce n’erano di diversi tipi, ma tutti ghiotti e voraci, anche se nati da pochi giorni!

Abbiamo anche visto da vicino i bozzoli e provato a dipanare il prezioso filo di seta, sottilissimo e molto resistente.

Terminata la bellissima esperienza con i bachi, ci siamo divisi in due gruppi: i bambini di terza e quarta hanno dipinto le candele prodotte con la cera colata negli stampi e i ragazzi di quinta si sono cimentati nella difficile arte di intrecciare i vimini.

Mastri ceraioli ed esperti cestai si sono poi rifocillati con un fresco ghiacciolo prima di rientrare a scuola.

È STATA UNA GIORNATA BELLISSIMA!!

Giovedì,2 Agosto 2012 | Scritto da: magliano

Lavoro collettivo, classi terza e quarta Scuola Primaria di Magliano Alfieri (A.S. 2011-2012)

Giovedì,2 Agosto 2012 | Scritto da: magliano

Noi alunni della classe terza di Magliano Alfieri abbiamo svolto una piccola ricerca sull’allevamento dei bachi da seta sul nostro territorio e abbiamo scoperto molte cose interessanti. Dalle testimonianze di alcuni anziani abbiamo saputo che ad Alba, in piazza San Giovanni, un tempo si svolgeva il mercato dei bachi e delle foglie di gelso. Abbiamo trovato conferma di questa notizia anche nel libro della scrittrice Franca Benedusi, di cui riportiamo alcuni brani significativi:

“ … proprio in centro, vicino alla piazza grande, quella del Duomo, ce n’è una un po’ più piccola, ma bellissima. È una piazza che parla di bachi. Lì trovi tutto: vendono le uova, le larve appena schiuse, le foglie per coloro che non hanno gelsi e poi, a bozzoli fatti, c’è pure chi li compra…

Chi alleva i bachi, a Alba, è fortunato. In piazza San Giovanni trova tutto. Può comprare le uova e poi con esse entrare in chiesa e pregare. Inginocchiarsi davanti al dipinto che raffigura il protettore di chi alleva i bachi [San Giobbe] e poi, dopo un po’, uscire fiducioso. Può tornare a casa e iniziare il lavoro con in cuore la certezza di essere protetto…”

Lo sapete cosa narrano ad Alba? Dicono che dalle piaghe delle mani del Santo un giorno uscirono dei vermi che subito divennero bachi. Per questo motivo nel dipinto sono raffigurati i bozzoli. San Giobbe ha dato, attraverso le sue ferite, l’opportunità di un lavoro.

Ha usato le sue mani per far nascere le crisalidi: quei piccoli vermi brutti da vedere ma laboriosi e pronti a trasformare le foglie dei gelsi in lunghi fili di seta. Il dipinto di San Giobbe è nella chiesa di San Giovanni e non potrebbe essere in un altro luogo. Nella piazza antistante c’è il Mercat dij cochet e d’la feuia: il mercato per gli allevatori dei bachi e per tutti quelli che si interessano di bozzoli….”

il 25 aprile, giorno di San Marco, ad Alba e precisamente in piazza San Giovanni, c’è un’infinità di gente. In particolare sono donne e si recano lì per andare in chiesa. Ognuna di loro porta con sé un piccolo involucro, ma nessuno lo vede perché tutte lo nascondono. Lo tengono in seno e fingon di nulla. Entrano in chiesa e pregano…. La funzione è lunga e dura più di un’ora. Il prete… cita pure i bachi. La funzione d’altronde si svolge apposta per loro. San Marco ne è il protettore ed è giusto che ricevano la benedizione…”

(tratto dal libro di Franca Benedusi - “La guerra di Egle”)

Dipinto che raffigura San Giobbe, protettore dei “Filanti da seta”, realizzato nel 1823 dal pittore Giuseppe Chiantore, Chiesa di San Giovanni, Alba.

Ai piedi del Santo si possono scorgere un fuso e alcuni ramoscelli pieni di bozzoli dorati.

Giovedì,2 Agosto 2012 | Scritto da: magliano

Noi bambini della scuola primaria di Magliano abbiamo invitato a scuola la nonna e la zia di Nicolò della classe quinta per ascoltare il racconto dell’esperienza della bachicoltura: hanno risposto con grande disponibilità e gentilezza a tutte le nostre domande e curiosità su questi strani animaletti, che erano così diffusi nel nostro paese e che spesso venivano accuditi proprio dai bambini.

Giovedì,2 Agosto 2012 | Scritto da: magliano

Gli alunni delle classi terza e quarta della scuola Primaria di Magliano Alfieri

A CONCLUSIONE DEL LAVORO SUL GELSO E DEL CICLO VITALE DEL BACO DA SETA CI SIAMO RECATI A VISITARE LE SALE CINESI NEL CASTELLO DI GOVONE….

ABBIAMO PROVATO A RIPRODURRE DAL VERO, OSSERVANDO NEI PARTICOLARI LE PARETI DELLE STANZE, LE VARIE FASI CHE RIGUARDANO LA PRODUZIONE DELLA SETA FIN DAI TEMPI ANTICHI.

DA BRAVI “PITTORI” ABBIAMO DISEGNATO :

  • LA RACCOLTA DELLE FOGLIE DEL GELSO NECESSARIE PER NUTRIRE LE LARVE DEL BACO.

    • DISPONEVANO LE FOGLIE SUI GRATICCI PER FAR CRESCERE LA LARVA E FARLA DIVENTARE UN BACO ADULTO PRONTO PER COSTRUIRE UN BOZZOLO.

    • RACCOLTI I BOZZOLI SI PROCEDEVA ALLA COTTURA CHE PROVOCAVA LA MORTE DELLA CRISALIDE E SI INIZIAVA AD AVVOLGERE IL FILO SU GRANDI MATASSE.

      • CON I FILI RICAVATI SI TESSEVA LA SETA.

Giovedì,2 Agosto 2012 | Scritto da: magliano

CLASSI 1° E 2° SCUOLA PRIMARIA DI MAGLIANO ALFIERI

ANDIAMO ALLA RICERCA DI FOGLIE DIVERSE PER SCOPRIRE LE LORO CARATTERISTICHE

QUANTI NOMI NUOVI ABBIAMO IMPARATO! SONO TUTTI QUI, SU QUESTO BELLISSIMO CARTELLONE REALIZZATO DA NOI.

COME PUNGONO….SEMBRANO PROPRIO DEGLI AGHI!!!

LA STORIA DELLE DIVERSE COLTIVAZIONI PER SCOPRIRE COME SI ARRIVA AD OTTENERE LA SETA….

ED ORA DIVENTIAMO ATTORI PER INTERPRETARE LA STORIA DEL BACO DA SETA!

Giovedì,2 Agosto 2012 | Scritto da: magliano

SCUOLA  PRIMARIA DI MAGLIANO ALFIERI

Giovedì 26 aprile, noi alunni delle classe seconda e terza, ci siamo recati al castello di Govone per visitare le sale cinesi.

È stato molto bello e arrivati in classe abbiamo provato a riprodurli.

Ecco i nostri capolavori!!!