Articoli per le parola chiave » CASTELLO «

Mercoledì,24 Giugno 2015 | Scritto da: govone

LA PRESENZA SUL TERRITORIO DEL NOSTRO BELLISSIMO CASTELLO CI HA DATO LA POSSIBILITA’ DI UN’USCITA NON TROPPO LONTANA DALLA SCUOLA MA CON TUTTI GLI INGREDIENTI DI UNA GITA VERA E PROPRIA.

ATTRAVERSARE LE VIE DEL PAESE A BORDO DEL “PULMINO GIALLO” E’ STATO MOLTO EMOZIONANTE!

ABBIAMO RAGGIUNTO IL CASTELLO PASSEGGIANDO NEL GIARDINO, CON LO ZAINO IN SPALLA.

IL SIGNOR GIUSEPPE E LA SIGNORA CARLA, RESPONSABILI DELLA BIBLIOTECA, CI ASPETTAVANO PER ACCOGLIERCI TRA I LIBRI!

LA SIGNORA DORETTA, CUSTODE DELLA CHIAVE DEL CASTELLO, CI HA ACCOMPAGNATI A VISITARE TUTTE LE STANZE … PECCATO CHE IL RE E LA REGINA NON C’ERANO!

FINALMENTE, COMODAMENTE SEDUTI SUL PRATO, POSSIAMO APRIRE GLI ZAINI E DARE IL VIA AL NOSTRO PIC-NIC.

E POI ANCORA PASSEGGIATA NEL GIARDINO DOVE C’E’ LA VASCA CON I PESCI, PERCORSO NEL PARCO DOVE CI SONO LE  ALTALENE E LO SCIVOLO E ANCHE I CANNONI.

INFINE IL PULMINO CI HA RIPORTATI TUTTI A SCUOLA, STANCHI MA FELICI.

Sezione: Museo Govone, Scuole Govone  Parole chiave:  Scrivi un commento
Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

Noi alunni di classe seconda, in collegamento al nostro lavoro di geografia, ci siamo recati mercoledì 15 aprile in visita ai servizi pubblici del nostro Paese.

Abbiamo cominciato la nostra indagine con la chiesa, la banca e l’ ufficio postale.

Ci siamo poi recati in piazza Roma dove abbiamo visto dov’è situata la biblioteca popolare e, nel castello, siamo entrati negli uffici comunali dove, sotto la guida della signora Doretta, abbiamo appreso quali documenti si possono richiedere e la loro utilità.

Abbiamo poi proseguito con la Casa di riposo, la caserma dei Carabinieri, la farmacia e il mercato che il mercoledì è situato lungo il viale del parco.

A conclusione abbiamo aggiunto il nostro edificio scolastico, la palestra e il campo sportivo che sono i servizi che noi usiamo tutti i giorni dell’anno scolastico e, a volte, anche quando siamo in vacanza!

È stata un’esperienza interessante e utile conoscere tutti questi servizi che il nostro paese di Govone, anche se piccolo, offre a tutti noi cittadini.

Sezione: Museo Govone, Scuole Govone  Parole chiave:  Scrivi un commento
Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

Luigino al castello di Govone

Una volta al castello di Govone viveva un bambino di nome Luigino; lui stava tutto il giorno a giocare alla fontana. Un giorno un genio di nome Alì gli disse: <<Cerca alla fontana in cui giochi sempre, troverai un anello magico per sconfiggere l’orco che ti sta cercando >>. Qualche giorno dopo Luigino, mentre stava giocando alla fontana, trovò l’anello. In quel momento l’orco arrivò, Luigino fece in tempo a nascondersi, provò l’anello e si accorse che lo rendeva invisibile. Da quel giorno l’orco non lo trovò più e si stufò di cercarlo; se ne andò da Govone e Luigino continuò a vivere al castello tranquillo.

Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

Le avventure di Rarity

Tanti anni fa nel paese di Govone viveva una bambina povera di nome Rarity. La sua casa era molto piccola, non aveva il riscaldamento e i suoi genitori non avevano lavoro. Allora Rarity decise di andare al castello per chiedere alla regina di dare un lavoro ai suoi genitori . Appena entrata nel giardino reale vide un gigante che le correva dietro per prenderla e imprigionarla, Rarity si nascose in un’aiuola piena di fiori; il gigante guardò in mezzo ai fiori e Rarity gli legò le gambe con una ghirlanda che aveva fatto. Il gigante si inciampò e morì. Rarity arrivò nella stanza della regina che le disse:<< Darò un lavoro ai tuoi genitori ma devi superare una prova: le statue del castello che io trasformo adesso in persone tu le devi ritrasformare in pietra. Per farlo devi trovare la piuma magica>>. Rarity iniziò a girare per il castello, ma era disperata perché non trovava la piuma. Ad un tratto vide un piccolo elfo che le disse:<< Ciao io mi chiamo Ronni e ti aiuterò a trovare la piuma>>. Andarono in una stanza piena di piume, ma solo una era di mille colori e brillante più delle altre. Ronni e Rarity la presero e la agitarono nell’ aria. Tutte le statue umane diventarono di nuovo di pietra. La regina disse:<< Brava, hai superato la prova e da domani i tuoi genitori saranno i giardinieri reali>>. Rarity e i suoi genitori comprarono una bella casa e la famiglia visse felice per molti anni.

Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

La bambina povera

Tanti anni fa,in un bosco incantato, una bambina povera che si chiama Laura con il suo pupazzo era molto triste; lei aveva una bella coda di cavallo, degli occhi verdi, un naso piccolo, la bocca un po’ larga e delle mani con il pollice molto piccolo. Un giorno incontra la strega Gina che le dice: <<Oh! mia piccola bambina, mi potresti prendere un po’ di mele? >> La bambina dice:<<Si>> Allora va a prendere le mele ma non sapeva che erano le mele stregate. Lei nel frattempo ne mangia una e cade a terra, ma un topolino le fa bere una pozione magica e la bambina si risveglia. Il topolino le chiede:<<Sai che le mele non si mangiano perché ti fanno morire, capito??>>La bambina rispose:<< Non lo sapevo!>> Allora il topolino dice<<Per difenderti dalle persone cattive devi prendere questa piuma>>.Lei va dalla strega e la strega la porta in una casa e la bambina usa la piuma e si accorse che funzionava; si libera e così la strega muore e la bambina continuò a stare nel bosco incantato per tutta la sua vita.

Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

LA PRINCIPESSA ZAIRA E IL PRINCIPE DAL CUORE D’ ORO

Una volta viveva nel castello di Govone una bellissima principessa di nome Zaira, la quale amava tutti gli animali. Un giorno, passeggiando nel bosco, incontrò un lupo molto affamato, Zaira si avvicinò a lui lentamente e gli diede un pezzo di pane. Dietro un albero era nascosta la fata Matilde che stava osservando il buon comportamento del lupo con la principessa. Con la sua bacchetta magica decise di trasformarlo in un principe dal cuore d’ oro, da quel giorno il principe, quando vedeva degli animali che erano stati catturati o erano in pericolo , li salvava . Dopo un paio di mesi la principessa Zaira e il principe dal cuore d’oro si sposarono e vissero felici e contenti nel castello con tanti bambini e tanti animali.

Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

C’era una volta nel castello di Govone un orco di nome Joe che teneva in ostaggio una principessa di nome Mari. Mari era la più bella del paese, tutti la volevano come sposa. Un giorno il soldato Mark venne a sapere di questa storia e subito capì che doveva andare a salvarla. Allora si rivolse al mago Max che decise di aiutarlo rendendogli la sua spada magica. Un giorno dopo Mark si presentò al castello di Govone, si incontrò faccia a faccia con l’ orco che gli disse:<<Se vuoi la principessa devi duellare con me>>. Mark accettò la sfida, mentre duellavano la spada magica diede forza a Mark che sconfisse l’orco

Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

La spada della fata madrina

Molto tempo fa, in un magico castello sulla collina di Govone viveva una principessa di nome Elsa.

Elsa era imprigionata nel suo castello dal drago Olaf che aveva intenzione di mangiarla, appena fosse stata più cicciottella! Un dì la sua fata madrina le portò una spada magica con cui avrebbe dovuto colpire il drago per trasformarlo in un docile gattino.

Mentre Olaf dormiva, in piena notte, Elsa gli lanciò la spada e lo colpì. Il drago fu avvolto da una nuvola di colori e si trasformò in un docile gattino. Si avvicinò ad Elsa facendo le fusa sulle sue gambe, così Elsa lo prese in braccio e nel pieno della notte partirono per esplorare il mondo.

Lunedì,22 Giugno 2015 | Scritto da: govone

La principessa Valentina

C’era una volta un giovane povero che voleva sposare la principessa Valentina ma il re Polveris glielo impediva. Il principe Sofà voleva sposarla ma il re Polveris iniziò una lotta furibonda che non finiva più . Ma quando arrivò la principessa Valentina disse:<<Basta1! Sposerò il principe che corre più veloce>>. Vinse il povero e così si sposarono e vissero felici e contenti.