Articoli per le parola chiave » filosofia «

Domenica,27 Ottobre 2019 | Scritto da: didattica

volantino 9NOV2019_MITI_FILOS_BANAUDI_CISTERNA

“I MITI E LA FILOSOFIA – 2° incontro”

IL MITO DI PROMETEO: TECNICA E VALORI: VIAGGIO IN COPPIA O SOLITARIO?

REGISTRAZIONE DELL’INCONTRO IN FORMATO MP3

banaudiNov

Dopo l’intenso incontro del 12 ottobre scorso con il prof. Alberto Banaudi, sabato 9 novembre 2019 si è tenuto il secondo appuntamento del ciclo “I miti e la filosofia”. L’iniziativa è stata organizzata dal Polo more…

Domenica,29 Settembre 2019 | Scritto da: didattica

volantino 12OTT2019_MITI_FILOS_BANAUDI_CISTERNA“I MITI E FILOSOFIA: CERCANDO IL CANTO DELLE SIRENE

PER COMPRENDERE L’ESSENZA PROFONDA DELLA NOSTRA ANIMA”

NE HA DISCUSSO IL PROF. ALBERTO BANAUDI AL CASTELLO DI CISTERNA D’ASTI

REGISTRAZIONE DELL’INCONTRO IN FORMATO MP3

Banaudi

Al castello di Cisterna d’Asti, sabato 12 ottobre 2019, il prof. Alberto Banaudi ha aperto il calendario dei nuovi appuntamenti promossi dal Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’Albese – I.C. di San Damiano d’Asti con il Museo Arti e Mestieri di un Tempo e il Comune di Cisterna d’Asti, la Fra production spa, le Cantine Povero distribuzione srl, l’Israt e l’Aimc di Asti, l’EBMA, l’Associazione “Franco Casetta”. Il prof. Banaudi è laureato more…

Lunedì,18 Ottobre 2010 | Scritto da: didattica

SCARICA I FILES ALLA PAGINA http://www.oronoronta.org/webpages/2010-10-16_logica.html

A prima vista il titolo del convegno filosofico tenutosi il 16 e il 17 ottobre nelle sale del castello cisternese, patrocinato dalla Rete Museale Roero Monferrato, dall’AIMC e dal gruppo culturale Oron Oronta, potrebbe apparire ad alcuni una contraddizione, ad altri un’impresa titanica.

I relatori che si sono avvicendati hanno offerto molteplici possibilità di riflessione e di rilettura dell’emozione, aspetto imprescindibile e vitale nell’esistenza di ciascuno. Secondo Giancarlo Tonani esiste un mito di una caverna emotiva primordiale che è necessario recuperare; le scene di caccia rappresentate nelle pitture rupestri vengono, a ragione, considerate oggetti d’arte e ad uno sguardo più attento si nota che l’animale è rivestito di una dignità intatta, a differenza dell’umanità indaffarata, alla stregua di una divinità; mentre l’uomo compare raramente. Il pensare è un fatto miracoloso, un atto ugualmente creativo quanto la pittura; sul fondo della caverna metaforica si annida una sapienza che da sola non serve a niente; ma il gesto primordiale di chi intinge la mano in qualche pigmento e la stampa sulla roccia costituisce l’unico riparo da una dilagante, sterile e fredda insensatezza. more…