Articoli per le parola chiave » ebrei «

Giovedì,2 Aprile 2015 | Scritto da: cisterna

Pare che la primavera sia finalmente giunta a bussare alle nostre porte.

Così, dopo aver piantato a novembre 2014 nel Bosco della Costituzione sessanta bulbi di crochi gialli, ibambini delle Scuole dell’ Infanzia e Primaria di Cisterna d’Asti sono andati a vedere se qualcosa era successo.

Infatti, grazie alla Fondazione Heti (Holocaust Education Trust Ireland) per l’insegnamento dell’ Olocausto, al quale le Scuole di Cisterna hanno aderito, i bambini hanno ricevuto dei bulbi che hanno piantato in memoria del milione e mezzo di bambini ebrei che morirono nell’Olocausto e delle migliaia di altri bambini che furono vittime delle atrocità naziste. I fiori gialli ricordano proprio le stelle di Davide gialle che gli Ebrei furono costretti a indossare durante il dominio nazista.

Nonostante la pioggia dei giorni scorsi, i bambini hanno trovato la strada in ottime condizioni e, soprattutto, i primi crochi che stanno spuntando di fronte alla Vigna della Memoria piantata da zio Paolino.

Sperando che nei prossimi giorni i cinghiali, di cui si sono trovate le impronte, non calpestino il piccolo giardino, al ritorno dalle vacanze pasquali si svolgerà un nuovo sopralluogo.

In ogni caso è stata una magnifica occasione per godersi il Bosco dei Bambini e quello della Costituzione con le mille magnifiche sorprese che regalano ogni volta ai bambini.

Giovanna Cravanzola

Mercoledì,26 Novembre 2014 | Scritto da: cisterna

“FIORI GIALLI PER RICORDARE AL BOSCO DELLA COSTITUZIONE DI CISTERNA D’ASTI
PER LA FESTA DELL’ALBERO”

Polo Cittattiva per l’ Astigiano e l’ Albese I.C. di S. Damiano d’Asti a.s. ’14/’15

Il giallo è un colore che rallegra e illumina.
Il colore preferito dai più piccoli per riscaldare i propri disegni con il sole, la luna…
Nella storia recente, però, per molti ha rappresentato il colore delle stelle gialle che furono obbligati a cucire sui propri abiti, simbolo di discriminazione, dolore e sofferenza iniziata molto tempo prima di arrivare dentro ai vagoni di un treno, da cui la stragrande maggioranza non fece più ritorno. Tra questi più di un milione e mezzo erano bambini, scomparsi nel nulla, inghiottiti in un buco nero e, talvolta, cercati invano per decenni dai pochi parenti superstiti.


I loro passi, per brevissimi istanti, hanno solcato la terra quasi senza lasciare impronte.
Così la storia, quella che ritroviamo solitamente scritta nei libri, non ne riporta i nomi, i sogni, le paure, le more…

Sabato,22 Novembre 2014 | Scritto da: cisterna


more…

Venerdì,26 Novembre 2010 | Scritto da: cisterna

Ieri siamo andati a vede una mostra davvero particolare che ci ha fatto molto riflettere.

Era una mostra dedicata ai bambini della Shoah. Ecco i nostri pensieri, clicca sul link per leggerli.

oggi-andati-alla-mostra-cl-3-scuola-primaria-di-cisterna-dasti