Articoli per le parola chiave » Piercarlo Grimaldi «

Lunedì,22 Maggio 2017 | Scritto da: didattica

NARRAZIONI_VOLANTINO.JPGNARRAZIONI MUSEALI DIGITALI

IL MUSEO ARTI E MESTIERI DI UN TEMPO DI CISTERNA D’ASTI SI RACCONTA IN DIGITALE

16^ INCONTRO DEL POLO CITTATTIVA PER L’ASTIGIANO E L’ALBESE PER L’A.S. ‘16/’17

REGISTRAZIONE DELL’INCONTRO IN FORMATO MP3

Cisterna d’Asti, un paese, un castello, un museo che custodisce e racconta l’anima di un territorio anche attraverso le nuove tecnologie. Il convegno “Narrazioni museali narrazionidigitali” è stata l’occasione per far conoscere la realizzazione del nuovo ambizioso progetto del Museo more…

Giovedì,8 Ottobre 2015 | Scritto da: didattica

“COMPLEANNI SPECIALI A CISTERNA D’ASTI:  TANTI AUGURI AD UN MUSEO UNICO AL MONDO E A CHI LO HA SOGNATO”

REGISTRAZIONE DELL’INCONTRO: http://www.scuolealmuseo.it/registrazioni/compleannolino.mp3

Solitamente, i compleanni si festeggiano con una torta e candeline. A Cisterna d’Asti, dove si pensa in grande, mercoledì 21 ottobre 2015 si sono festeggiati ben due genetliaci (per usare un linguaggio adeguato alle circostanze) addirittura in un antico castello. Ma i festeggiamenti erano dedicati proprio al Museo che trova ospitalità fra quelle possenti mura e ad un visionario - Bartolomeo Vaudano detto Lino - che, tanti anni fa, ha sognato e voluto proprio quel Museo. Così, grazie alla sua testardaggine e al lavoro di molti altri cisternesi, trentacinque anni fa ha visto la luce il primo nucleo di quello che, oggi, è il Museo Arti e Mestieri di Cisterna d’Asti. Facile oggi, quando l’idea di recupero delle tradizioni cosa che appare più consueta, pensare a raccogliere attrezzi del lavoro e oggetti del mondo contadino. Quarant’anni fa, invece, la

cosa non era così scontata. Eppure è proprio grazie a persone come Lino che, all’epoca, saranno sembrate un po’ strane e allucinate, che oggi possiamo non solo ammirare degli oggetti ma sentirci letteralmente catapultati in un’ altra epoca.

more…

Sabato,5 Dicembre 2009 | Scritto da: didattica

12 dicembre 2009

Castello Medioevale di Cisterna

“Antropologia della terra e cittadinanza”

Prof. Piercarlo Grimaldi

FESTA DI SANTA LUCIA A CISTERNA D’ASTI:

QUANDO UNA FESTA DI LUCE UNISCE LA CITTADINANZA

Fine settimana denso di avvenimenti per la comunità di Cisterna. Sabato 12 e domenica 13 dicembre, il castello è stato lo scenario in cui si sono svolte due iniziative dedicate a questo particolare momento dell’anno: la festa di Santa Lucia. Un giorno molto importante, caratterizzato dalla presenza del proverbio : “A Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia”, che testimonia la sopravvivenza di elementi di cultura contadina, legati al passato calendario giuliano, in cui il solstizio d’inverno coincideva con la festa dedicata alla Santa.

Sabato 12 dicembre, in occasione della festa della luce, l’Associazione Museo, il Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’ Albese – Direzione Didattica di S. Damiano d’Asti, le scuole dell’ Infanzia e Primaria di Cisterna, l’Ecomuseo delle Rocche del Roero, Slow food, l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, all’interno del castello, hanno riproposto le antiche atmosfere dei balli a palchetto. Con la musica dei “Bona Vista”, all’interno del salone della cisterna, è stato ricreato uno spazio dal sapore antico, dove grandi e piccini hanno fatto festa insieme sulla pista realizzata per l’occasione. Durante la serata, l’antropologo Prof. Piercarlo Grimaldi ha sviluppato il tema “Antropologia della terra e cittadinanza”.

Perché coniugare i temi della festa del passato e della cittadinanza attiva?

(CONTINUA)… more…